L'Antica Terra, dal 2005, si è interessata a questa coltura abbandonata che ha mostrato caratteristiche agricole e nutrizionali interessanti, coinvolgendo nella produzione sempre piu agricoltori della pianura bresciana ed in questi ultimi anni è arrivata a coltivarne …..
Dalla raccolta in campo, L' Antica Terra, con la collaborazione di alcuni mulini, pastifici e fornerie, ha realizzato una linea di prodotti alimentari tra cui chicchi, farina, preparati per zuppe e risotti, pasta e biscotti.

Alcuni cenni storici e scientifici
Il Monococco è un frumento diploide a cariosside vestita; introdotto in coltura circa 10.000 anni fa nel Vicino Oriente, è stato una delle specie fondatrici dell'agricoltura.
Dalla sua zona di origine, un area situata nella Turchia Centrale, il Monococco si è diffuso rapidamente in tutta l'Europa.
Il rinnovato interesse per questa coltura è legato alla crescente sensibilità dell'opinione pubblica per le caratteristiche dietetico - nutrizionali dei prodotti da esso derivati ed è giustificato dall'ottima composizione della sua farina.

Il suo contenuto proteico, in media pari al 17-19%, è superiore quello di tutti gli altri cereali coltivati e presenta un valore nutrizionale migliore rispetto al frumento tenero e frumento duro.
Il contenuto di carotenoidi, precursori della vitamina A ed anti-ossidanti naturali, è circa 5-10 volte quello del frumento tenero e conferisce a tutti i prodotti derivati un caratteristico ed attrattivo colore interno giallo dorato, che li differenzia nettamente da quelli ottenuti con farine di frumento tenero e di frumento duro.
Rispetto agli alimenti analoghi ottenuti da farine di frumento tenero e duro, i prodotti innovativi a base di Monococco presentano quindi un maggior valore nutrizionale
.
Proteine del grano e malattie allergeniche
I risultati ottenuti da analisi sul Monococco mostrano una minore allergenicità  per persone con intolleranze alimentari (es. persona celiache intolleranti al glutine), grazie anche alla presenza di peptidi gliadinici in grado di impedire la agglutinazione delle cellule K562(S) da parte di peptidi gliadinici tossici.
Il Monococco si presenta come un promettente candidato per la produzione di alimenti ad elevato profilo nutrizionale e/o per esigenze di alimentazione particolari.
L'ottima resistenza naturale a malattie e stress, la necessità di bassi livelli di concimazione ed una spiccata adattabilità ad ambienti colturali diversi rendono inoltre il monococco una specie molto promettente per uno sviluppo agricolo a basso imput.

Inoltre, considerando la stretta correlazione tra il livello di esposizione alle proteine immunotossiche e l' espressione della malattia celiaca, la coltivazione di grani a bassa tossicità come il grano Monococco per l'alimentazione della popolazione in generale, ma soprattutto di alcune fasce della stessa come i bambini, potrebbe costituire un valido metodo di prevenzione della celiachia. Nel 2012 oltre al proseguimento della ricerca abbiamo avviato una serie di prodotti in parte nostri come: pane per catering e grissini ,biscotti , preparati per risotti di monococco, e altri prodotti come pasta fresca al monococco.